IL BLOG DI STUDIO SINAPSY

Cosa è la Psicomotricità Funzionale?

Schermata 2020-04-20 alle 15.39.12

La stretta relazione tra mente e corpo ci spinge a utilizzare il corpo come grande risorsa per il cambiamento, soprattutto in tutte quelle situazioni in cui si sperimentano difficoltà o disabilità. E’ attraverso il corpo che ci muoviamo nel mondo e che agiamo sull’ambiente per mezzo dell’azione e del movimento: un corpo che agisce, pensa e sente entrando in relazione con altri corpi. Un corpo quindi in perenne trasformazione, per mezzo della relazione con l’ambiente, fisico e sociale. 

Il corpo e il movimento in generale sono da intendersi come ciò che genera e interpreta la realtà, oltre che mezzi attraverso cui circola il significato dell’esperienza, la quale non sempre è traducibile in termini verbali: pensiamo al “saper fare”, una conoscenza implicita che difficilmente può tradursi in un resoconto verbale. Allo stesso modo una storia raccontata verbalmente necessita della componente non verbale (e quindi corporea) per poter farne comprendere il reale senso.

La Psicomotricità intende intervenire sulle difficoltà attraverso il corpo e il movimento, elementi essenziali nel nostro rapporto con il mondo; l’elemento principale è quello di evitare una riabilitazione richiedente e che tende a mettere di fronte alla persona la sua inefficacia o incompetenza, ma anzi: la motivazione e la piacevolezza dell’esperienza guidano in modo predominante il sistema limbico, che agisce come attivatore della condotta della persona.

La Psicomotricità Funzionale pone grande rilevanza al corpo e al movimento, utilizzando varie metodologie per studiare e intervenire sul movimento della persona, inteso come modalità di espressione della sua condotta globale. Con il termine “Funzionale” si fa riferimento alle funzioni biologiche, alle varie funzioni del Sistema Nervoso Centrale e agli adattamenti che la persona compie nei suoi movimenti.

In un percorso psicomotorio vengono primariamente indagate e valutate le aree biologiche, cognitive e di movimento della persona, attraverso un’analisi funzionale: come la persona si muove, quali sono le sue criticità, le necessità di potenziamento, ma soprattutto i suoi punti di forza. Solo così è possibile impostare un percorso su misura per la persona, secondo obiettivi condivisi.

Nel percorso psicomotorio con i bambini (ma anche con gli adulti), l‘obiettivo generale è quello di portare il bambino a utilizzare tutte le risorse che possiede, riguardanti la motricità e sensorialità, per compiere uno sviluppo positivo e funzionale alle sue esigenze. Nel proporre le esperienze psicomotorie, tuttavia, si riconosce l’aspetto piacevole delle stesse, in modo da favorire la motivazione e quindi un esito positivo del cambiamento. Il piacere di far qualcosa deve però essere accompagnato dalla realizzazione di un obiettivo, con un certo sforzo personale: non bastano esperienze psicomotorie che motivano, ma risulta fondamentale poter accettare determinate cose che magari spontaneamente non si sceglierebbero, dando vita quindi a un “metodo attivo”.

Facendo un parallelismo con ciò che accade a livello motorio e biologico, la Psicomotricità Funzionale trova riscontro nel proporre e stimolare nuove modalità di “funzionamento”, rendendo possibile la creazione di nuove vie neurali a livello neurobiologico, così da favorire nuove modalità di movimento e quindi adattamento all’ambiente circostante. La piacevolezza dell’esperienza (sistema limbico), unita alla motivazione e all’intenzionalità (corteccia cerebrale), possono stimolare la modalità di regolazione del tono (formazione reticolare), così da creare nuovi e più adattivi comportamenti.

L’obiettivo non è quindi quello di sostituirsi al bambino, ma lasciare ad esso la riuscita e il successo in funzione dello scopo che persegue, lasciando spazio all’intenzionalità: non vengono indicate le modalità per raggiungere un obiettivo, ma vengono forniti gli strumenti per poter attivare nuove competenze per perseguirlo.

Con persone che sperimentano difficoltà, la psicomotricità interviene su quei prerequisiti che sono fragili per mancata esperienza, oppure per aumentare la disponibilità all’apprendimento, attraverso una serie di movimenti che vanno ad attivare circuiti neuronali capaci di risvegliare nuove e più funzionali abilità.

A CHI È RIVOLTA LA PSICOMOTRICITÀ?

La Psicomotricità Funzionale è rivolta a tutti, in tutte le fasi di sviluppo e crescita: adulti, adolescenti e bambini.

In particolare, per i bambini si rivolge principalmente a:

  • a bambini con autismo, disprassia, disabilità intellettive, paralisi cerebrali, difficoltà di attenzione e iperattività;
  • bambini con difficoltà temporanee o ritardi nello sviluppo;
  • bambini che devono acquisire i prerequisiti necessari per l’inserimento scolastico.

Presso il nostro Studio svolgiamo percorsi di gruppo e individuali per bambini e adolescenti, adulti e terza età.

dr.ssa Sara Verdini, Psicologa, Psicomotricista Funzionale

Studio Sinapsy

Leggi altri articoli di Studio Sinapsy

Psicomotricità

Gruppi di Psicomotricità a Firenze per bambini 5/6/7 anni

La psicomotricità di gruppo consiste in incontri settimanali rivolti a bambini che presentano caratteristiche e bisogni compatibili tra loro. Propone un intervento di tipo globale basato sul gioco psicomotorio, prestando una grande attenzione ai nuclei psico-affettivi e cognitivi del bambino. I gruppi si terranno presso la sede di Studio Sinapsy,

Leggi Tutto »
corsi di formazione per insegnanti
Apprendimento e sviluppo

Nuovi corsi di formazione per insegnanti sui DSA allo Studio Sinapsy

Come aiutare i ragazzi con Disturbi Specifici dell’Apprendimento I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) possono portare i bambini e gli adolescenti ad avere maggiori difficoltà nell’acquisire e utilizzare le abilità di lettura, scrittura e calcolo. I DSA sono condizioni permanenti, ma possono essere gestiti con il supporto adeguato. Gli insegnanti hanno

Leggi Tutto »

Cerchi uno psicologo a Firenze?

Fai il primo passo: compila il questionario

Supporto psicologico a Firenze

I Professionisti dello Studio Sinapsy si occupano di Sostegno Psicologico e Psicoterapia per bambini, adolescenti, adulti e famiglie, diagnosi e trattamento dei disturbi dell’età evolutiva ed adulta, Neuropsicologia, consulenze in materia di Psicologia Giuridica e Psicomotricità Funzionale per adulti e minori.

Il nostro Studio è accreditato dalla Regione Toscana per il rilascio della certificazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento DSAp, secondo le Linee Guida Regionali.

La valutazione viene effettuata dalla nostra equipe multidisciplinare.